Acting Diversity

Il Progetto

Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani di Compagnia Teatro dell’Argine
in partnership con Al-Harah Theater e Badac Theatre Company
1 ottobre 2012 – 30 settembre 2013
con il sostegno di Anna Lindh Foundation - www.annalindhfoundation.org
 
Acting Diversity è 3 organizzazioni artistiche e culturali in Italia, Palestina e Regno Unito, ma anche richiedenti asilo, rifugiati politici, migranti e giovani da tutto il mondo.
Acting Diversity è 2 laboratori teatrali interculturali con richiedenti asilo, rifugiati politici, migranti e giovani, che daranno vita a 2 spettacoli finali su temi quali intercultura, razzismo, migrazione, cittadinanza e diritti.
Acting Diversity è 2 festival teatrali, 3 comunità locali molto diverse fra loro in 3 paesi dell’area euro-mediterranea e 1 network di istituzioni, associazioni, organizzazioni e individui attivi in ambito sociale, educativo, culturale e artistico.
Acting Diversity è 3 laboratori di scambio tra artisti professionisti che lavorano in contesti non solo teatrali,appartenenti a Teatro dell’Argine (Italia), Al-Harah Theater (Palestina), Badac Theatre Company (Regno Unito) al finedi trovare nuove strade per l’arte e la società civile.
Acting Diversity è il teatro che agisce come strumento culturale, sociale ed educativo, utile a favorire il dialogo interculturale e la promozione attiva della diversità, per lo sviluppo di una società più coesa, democratica e inclusiva.
 
Scarica il progetto in pdf.

Origini

Background e contesto del progetto
Dopo tutti gli eventi del 2011 in Nord Africa e Medio Oriente, le sfide che migranti e soprattutto richiedenti asilo e rifugiati politici lanciano ai paesi euro-mediterranei sono sempre più alte ed eccitanti. Ma anche il livello del conflitto si sta alzando, nelle città e nelle periferie dei paesi di accoglienza, tanto nella vita politica che in quella sociale. Le istituzioni private e pubbliche si stanno sempre più interrogando su modalità di accoglienza che non abbiano a che fare soltanto con la mera sussistenza. Apprendere e diffondere la reciproca comprensione e il dialogo interculturale è sempre più importante: in questo, il teatro e le arti possono fornire strumenti utili, che passano attraverso il linguaggio del corpo, lo stimolo dell’emotività e della creatività, lo scambio e il lavoro di gruppo caratteristici del lavoro teatrale.
 
Come è nato il progetto
La riflessione e il lavoro teatrale su e con richiedenti asilo e rifugiati politici è parte integrante del progetto del TdA dal 2005. Il territorio nel quale opera la compagnia ha un forte bisogno di interventi differenziati a sostegno dell’accoglienza ai migranti in genere e in particolare ai rifugiati politici. Per il TdA la riflessione è duplice: culturale-artistica e sociale.
Da un lato, la ricchezza, gli stimoli, la creatività e la diversità di prospettiva che una compagnia multiculturale mette in campo se paragonata a una normale compagine monoculturale, sono incredibili: lavorare con persone che hanno diverse culture, religioni, esperienze, opinioni fa sì che ogni membro del gruppo, professionista o non professionista che sia, possa conoscere e sperimentare nuovi esercizi e tecniche teatrali, danze, musiche, approcci, metodi, emozioni, maschere.
Dall’altro lato, le istanze di istituzioni sociali, educative e politiche della Regione Emilia-Romagna sono sempre più spesso rivolte al TdA e a chi, come la compagnia, porta avanti percorsi di crescita e di comunità che possono rivelarsi utili soprattutto in quei percorsi di accoglienza e integrazione che vadano oltre il fornire ai migranti del cibo e un letto. Di conseguenza, è necessario che la compagnia TdA si tenga costantemente aggiornata sulla reale situazione dei migranti e dei rifugiati dell’area euro-mediterranea, per comprendere meglio le persone che incontra e con le quali lavora ed essere preparata a ciò che esse portano con sé.
In questa direzione, Badac Theatre e Al-Harah Theater si sono presentati come partner perfetti per il TdA. Entrambi hanno collaborato più volte con la compagnia in diversi progetti: co-produzione di spettacoli, progetti europei, laboratori, lavoro di network; sempre mescolando obiettivi sociali e artistici. Come già anticipato, il Badac Theatre ha una lunga esperienza nell’utilizzo del teatro per lavorare su temi legati ai diritti umani, e ha prodotto laboratori e spettacoli sulla violenza domestica, la malattia mentale, l’esclusione sociale, l’Olocausto, e la situazione in Palestina: temi molto scottanti per tutta l’area euro-mediterranea. Al-Harah Theater ha una lunga esperienza nella produzione di spettacoli e laboratori per la comunità di riferimento: corsi per bambini o all’interno dei campi profughi, pensati per aiutare la comunità attraverso il teatro a sentirsi più forte, più serena e cercare di ridurre il forte senso di insicurezza sociale che la pervade.
Per il TdA è stato spontaneo cercare di sviluppare il proprio lavoro interculturale con l’aiuto di questi due partner, entrambi molto impegnati nei rispettivi campi di azione e competenze, molto diversi l’uno dall’altro per contesto sociale e beneficiari attesi, molto consapevoli della situazione dei propri paesi e molto decisi a lavorare per il cambiamento e a ottenere qualcosa di nuovo l’uno dall’altro.

Obiettivi

Obiettivi generali del progetto
Contribuire al dialogo interculturale e alla promozione della diversità come strumenti per la coesione, la cooperazione e l’inclusione sociale, favorendo scambi artistici e creatività culturale, anche attraverso la mobilitazione e la partecipazione della comunità, per rafforzare il senso della cittadinanza e dei diritti.
 
Obiettivi specifici del progetto
Incoraggiare la partecipazione attiva e il lavoro di gruppo di migranti, richiedenti asilo e rifugiati politici, giovani, allievi e professionisti di teatro, nello sperimentare modalità non-formali di apprendimento, per incoraggiarne la partecipazione alla vita pubblica e creare spazi per l’espressione dell’individuo e la partecipazione sociale; promuovere il lavoro di gruppo finalizzato al dialogo fra persone diverse per conoscerne cultura, religione, tradizione e storia personale; combattere gli stereotipi sui migranti diffusi nell’opinione pubblica; promuovere la diffusione della cultura e dell’arte come strumenti di lavoro per favorire il dialogo interculturale; migliorare la cooperazione e lo scambio di pratiche e metodi artistici, da applicare anche all’educazione non-formale nell’area euro-mediterranea, sostenendo, fra le altre cose, la mobilità transnazionale degli operatori culturali.

Attività

Le principali attività:

1) due laboratori teatrali interculturali condotti dai registi e drammaturghi del TdA in Italia:

  • uno coinvolgerà giovani e studenti tra i 18 e i 25 anni;
  • l’altro coinvolgerà migranti, richiedenti asilo, rifugiati politici e giovani tra i 18 e i 35 anni;

2) scambio internazionale di metodi artistici:

  • nei due laboratori teatrali italiani, interverranno, con due sessioni intensive di lavoro, gli artisti del gruppo Al-Harah Theater (Palestina) e quelli della Badac Theatre Company (Regno Unito). Alle sessioni intensive parteciperanno non solo gli allievi dei laboratori, ma anche gli operatori e gli artisti professionisti della Compagnia, per un confronto e uno scambio sulle teorie e sulle pratiche del lavoro teatrale su temi quali quelli implicati nel progetto; per esplorare possibili nuove vie per il teatro come strumento di dialogo interculturale, di cittadinanza attiva e di inclusione e coesione sociale; e, infine, per attivare un momento di reciproca informazione e aggiornamento sulla condizione dei profughi e dei rifugiati nelle aree – così diverse fra loro – di provenienza dei 3 partner;
  • nel corso del progetto, due artisti del TdA si recheranno rispettivamente in Palestina e nel Regno Unito, presso le sedi dei partner, per tenere analoghi laboratori di scambio con gli artisti e con gli operatori delle due compagnie partner. Nel caso del laboratorio in Palestina, il TdA incontrerà gli artisti del gruppo Al-Harah e gli operatori che lavorano nei campi profughi intorno a Beit Jala, vicino a Betlemme, sede della compagnia palestinese. Nel caso del laboratorio in Inghilterra, oltre agli artisti della Compagnia Badac Theatre, da sempre impegnata sui diritti umani, il TdA incontrerà le ragazze della St. Albans School, che vivono e studiano in contesti di forte tensione interculturale;

3) due spettacoli e due Festival finali:

  • il laboratorio con giovani e studenti fra i 18 e i 25 anni sfocerà in uno spettacolo, che debutterà nel Festival delle Scuole dell’ITC Teatro a maggio 2013 - The Shoe Must Go On
  • il laboratorio con migranti, richiedenti asilo, rifugiati politici e giovani sfocerà in uno spettacolo, che avrà un’anteprima intorno al 20 giugno, Giornata Mondiale del Rifugiato, e due repliche nel festival interculturale La Scena dell’Incontro a luglio 2013 - Il violino del Titanic

4) documentario e linee guida:

  • le attività di progetto saranno riprese e montate in un documentario che sarà proiettato pubblicamente al termine del progetto. Inoltre saranno compilate e diffuse on line delle linee guida sui risultati raggiunti e i processi attivati, per una condivisione con chiunque si occupi di temi e di percorsi analoghi.

Metodo

Il metodo che sta dietro ai laboratori italiani si fonda sulla partecipazione attiva di tutti i membri del gruppo, sulla competenza professionale dei 3 partner e su uno scambio costante fra la pratica teatrale e momenti comuni di discussione sui temi fondamentali. Il lavoro corale sarà condotto attraverso esercizi teatrali di respirazione, voce e corpo; improvvisazioni su temi legati all’asilo politico, la migrazione, il razzismo, gli stereotipi sullo “straniero”, realizzate con e senza musica, con e senza parole; esercizi per la creazione e narrazione di storie; drammatizzazione dei materiali così creati e così via. I partecipanti saranno invitati a condurre parte del laboratorio, proporre esercizi, danze e musiche dei loro paesi di origine, nello spirito dell’educazione fra pari e dello scambio. I partecipanti avranno anche la possibilità di fare pratica con altre lingue, incontreranno giovani appartenenti ad altri background culturali, miglioreranno le loro abilità artistiche e comunicative. Lo stesso spirito guiderà I laboratori internazionali di scambio di metodi artistici in Italia, Palestina e Regno Unito e anche la creazione degli spettacoli finali, che saranno composti sulla base dei materiali creati dai partecipanti. In più, al pubblico degli spettacoli sarà data l’opportunità di migliorare la conoscenza e la sensibilità verso i temi del progetto: una più profonda consapevolezza può generare una più profonda comprensione e ridurre il conflitto sociale, per una società più coesa e inclusiva.

Guidelines

Scarica le Linee Guida [ITA]

Scarica le Guidelines [ENG]

Foto

Seleziona una miniatura per scorrere l'intera galleria e scaricare quella che più ti piace.

Gallery video

Contatti

Teatro dell'Argine
Contact person: Micaela Casalboni
tel.: +39 (0)51 6271604
mobile: +39 339 5460892
 
Al-Harah Theater
 
Badac Theatre Company
 
Anna Lindh Foundation

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202