Teatro 2011/2012

Teatro 2011/2012
Naufragi con spettatori
«Bello, quando sul mare si scontrano i venti e la cupa vastità delle acque si turba, guardare da terra il naufragio lontano:
non ti rallegra lo spettacolo dell’altrui rovina, ma la distanza da una simile sorte»
Lucrezio, De Rerum Natura II, 1-4

Abbiamo scelto di parafrasare il titolo di un famoso saggio di Hans Blumenberg per raccontare la stagione 2011-2012 dell’ITC Teatro. Il senso di smarrimento e di caos, l’impressione di poter essere travolti da un momento all’altro da un destino di crisi e di conflitto pervade il nostro stanco presente. Non possiamo più nemmeno rallegrarci della distanza da una possibile rovina, come dicono i versi di Lucrezio da cui prende avvio il saggio di Blumenberg, perché forse siamo noi i naufraghi e, impotenti e deboli, riusciamo solo a guardarci vorticare nel gorgo impetuoso della storia, spettatori smarriti nella tempesta. Il teatro e l’arte in genere sono in grado di gettare questo sguardo, senza pavide mediazioni, nel cuore del problema, ovvero al centro del gorgo. Così la stagione si articola in una serie di titoli che si interrogano sulle ragioni del lungo naufragio che ci vede protagonisti. Lo fa soprattutto con i due spettacoli del Progetto Diluvio, Bollettino del diluvio universale del grande Gianni Celati e La stagione delle piogge, che indagano rispettivamente, con poesia e lucidità, le derive del capitalismo nella nostra società e dell’occidentalizzazione selvaggia in Africa. La crisi economica ritorna in Crack Machine, dell’affiatato duo Musella-Mazzarelli, mentre Due passi sono e Report dalla città fragile si occupano di derive più individuali, che raccontano, nel primo caso, una vicenda di limiti e di difficoltà superate, e nel secondo arrivano a lambire il tema della follia. Una follia rappresentata anche, come guerra, in Nema problema e Sul confine; come inquietante fatto di cronaca nel premiatissimo Col sole in fronte, o addirittura come comico delirio di un dittatore in HIM. Ma anche i classici possono intersecare il nostro presente guasto e senza direzioni: ed ecco Atto finale da Flaubert e Il signor di Pourceaugnac da Molière; infine l’abituale appuntamento di Ritagli di tempo, dedicato al 1971, guarda al passato recente per scorgervi i nodi mai risolti del nostro paese. Derive, diluvi, naufragi: un orizzonte sfrangiato e opaco, al quale tuttavia, come sempre, il teatro può donare un barlume di luce, indicando, nel suo piccolo, una rotta fatta di bellezza e riflessione.

calendario completo

da mercoledì 9 a domenica 13 e da mercoledì 16 a domenica 20 novembre – ore 21.00
Compagnia del Teatro dell'Argine in collaborazione con festivalfilosofia di Modena e Consorzio della Bonifica Renana

Bollettino del diluvio universale - Una pantomima di Gianni Celati

con Eugenio Allegri, Lorenzo Ansaloni, Micaela Casalboni, Ida Strizzi regia di Nicola Bonazzi
venerdì 25 novembre – ore 21.00

Ritagli di tempo: storie dal 1971 (1^ parte)

scritto e condotto da Stefano Tassinari immagini a cura di Luca Gavagna musiche eseguite dal vivo dai Têtes de Bois voci narranti: Giovanni Dispenza e Paola Roscioli con la partecipazione di Franco Fabbri (fondatore degli Stormy Six), Claudio Lolli e Valentino Parlato regia di Andrea Paolucci
sabato 26 novembre – ore 21.00

Ritagli di tempo: storie dal 1971 (2^ parte)

scritto e condotto da Stefano Tassinari immagini a cura di Luca Gavagna musiche eseguite dal vivo dai Têtes de Bois voci narranti: Giovanni Dispenza e Paola Roscioli con la partecipazione di Franco Fabbri (fondatore degli Stormy Six), Claudio Lolli e Valentino Parlato regia di Andrea Paolucci
da mercoledì 7 a domenica 11 e da mercoledì 14 a domenica 18 dicembre – ore 21.00
Olinda/Compagnia del Teatro dell'Argine

Report dalla città fragile

liberamente tratto dal romanzo Atlante delle norme e dei salti di Gigi Gherzi con Gigi Gherzi regia di Pietro Floridia  
sabato 14 gennaio – ore 21.00
Carrozzeria Orfeo/Centro RAT - Teatro dell'Acquario

Sul confine

drammaturgia di Gabriele Di Luca interpreti e regia: Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi
da mercoledì 18 a domenica 22 e da mercoledì 25 a domenica 29 gennaio – ore 21.00.  (NB: il 21 e il 28 gennaio replica straordinaria pomeridiana - ore 16.00)
TdA/Festival Internazionale di Andria Castel dei Mondi, Lunatica Festival, Provincia di Massa Carrara, PO FESR 2007/2013 - Asse IV - Produzione di nuovi spettacoli in prima nazionale-Teatro/Danza, progetto affidato dalla Reg. Puglia al Teatro Pubblico Pugliese

Atto finale - Flaubert

uno spettacolo di Mario Perrotta dal romanzo Bouvard et Pécuchet di Flaubert con Mario Perrotta, Paola Roscioli, Lorenzo Ansaloni musiche eseguite dal vivo da Mario Arcari regia di Mario Perrotta
sabato 25 febbraio – ore 21.00
Fondazione Teatro Due

Nema Problema - Storia di un Ritorno

  di Laura Forti con Giampiero Judica regia di Pietro Bontempo
venerdì 2 e sabato 3 marzo – ore 21.00
Carullo-Minasi/Il castello di Sancio Panza

Due passi sono

regia, testi e interpretazione di Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi
venerdì 9 marzo – ore 21.00
Compagnia Musella-Mazzarelli

Crack Machine - Il denaro non esiste

  di e con Paolo Mazzarelli e Lino Musella voceradio: Federica Fabiani
sabato 17 marzo – ore 21.00
Balletto Civile/Fondazione Teatro Due

Col sole in fronte

di Maurizio Camilli con Maurizio Camilli e Ambra Chiarello scrittura fisica e messa in scena: Michela Lucenti
sabato 31 marzo – ore 21.00
Punta Corsara in collaborazione con l'Università di Bologna - Facoltà di Scienze della Formazione

Il signor di Pourceaugnac - Farsa minore da Molière

  traduzione e adattamento: Antonio Calone e Emanuele Valenti con Christian Giroso, Tonino Stornaiuolo, Valeria Pollice, Emanuele Valenti, Giuseppina Cervizzi, Gianni Rodrigo Vastarella, Vincenzo Nemolato, Mirko Calemme regia di Emanuele Valenti
mercoledì 18 aprile – ore 21.00
Fanny & Alexander

HIM - if the wizard is a wizard you will see...

  di e con Marco Cavalcoli regia di Luigi de Angelis

Teatro dell'Argine Società Cooperativa Sociale | Sede legale via dei Gelsi, 17 | 40068 San Lazzaro di Savena - BOLOGNA | P.I. 02522171202